Salta al contenuto principale
x

Le faggete vetuste

 

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, è il più antico d’Italia e si estende su 50.500 ettari comprendendo una ricca e variegata vegetazione. Lo scenario cambia se si sale verso le vette dove dominano incontrastate le faggete vetuste (patrimonio Unesco).

Si distinguono dalle altre foreste europee per l'altezza degli alberi (fino a 50 metri) e per la loro età (anche 600 anni). Notevole è il livello di biodiversità presente, dovuto ai pochi interventi antropici. Le piante qui crescono, si riproducono e muoiono naturalmente senza alcuna azione umana.

Foreste vergini, fitte e a tratti inestricabili, testimoni straordinarie del passare del tempo, luoghi magici in cui gli alberi assumono forme originali e curiose.

Le faggete vetuste abruzzesi sono cinque: Val Cervara a Villavallelonga, dove gli alberi crescono a rilento e molto fitti; Selva Moricento a Lecce dei Marsi, che si estende tra crinali montuosi e doline carsiche, habitat favorevole alla diversità di specie; Coppo del Morto, fra Pescasseroli e Scanno, dove alcuni alberi superano i cinquecento anni; Coppo del Principe a Pescasseroli, faggeta suggestiva che ospita alcune specie rare di uccelli; Val Fondillo tra Opi e Civitella Alfedena, un’area formata da due foreste rese ancora più incantevoli dalla presenza dell’acqua.

Località Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise
Mappa